Happy Monday

L’innovazione che parla italiano

L’innovazione che parla italiano

Ogni anno Las Vegas si trasforma in una vetrina mondiale delle innovazioni, grazie al Consumer Electronics Show. In occasione dell’ultima fiera tenutasi a gennaio, l’Italia si è distinta per alcune novità tutte da scoprire.

Vediamo le più originali.


1. Partiamo da un sensore wireless per monitorare le piante. Molti abitanti delle città hanno iniziato a coltivare la passione per il verde, creando home garden o abbellendo balconi e stanze con fiori e foglie. Questo sensore permette di controllare umidità, temperatura e luminosità e consente di accedere a un social network di esperti e amanti per condividere dati, progressi e chiedere pareri e consigli.


2. Possono gli alberi crescere nel deserto? Forse quelli naturali no, ma quelli elettronici sì. È questa l’idea di una start up sarda che ha messo a punto un life tree, in grado di accumulare energia per erogare servizi di diverso tipo. In Paesi secchi fornirà acqua, ad esempio, mentre nelle città pulirà l'aria.


3. Può succedere di scattare una foto per dimostrare di aver subito dei danni o per avere la prova di un incidente stradale. Peccato che questi scatti non abbiamo valore legale. Fino ad ora! È nata una piattaforma web che offre la possibilità di ottenere una certificazione legale per le foto. Garantirà la provenienza, la data e l’autenticità di un’immagine.


4. Una piaga che colpisce soprattutto l’Italia è la contraffazione dei prodotti. Al CES è stata presentata un’applicazione che consente di tracciare gli articoli e di conoscerne la storia.Funziona per il food, per la moda e per tanti altri settori.


5. Elettrocardiogramma da casa? Oggi si può, grazie ad una nuova app che consente di effettuare l’esame e di trasmettere i risultati direttamente al medico di fiducia.


6. I passi delle persone saranno convertiti in energia. Una start up ha ideato una speciale pavimentazione in grado di alimentare, attraverso le camminate, luci a LED. Questa soluzione risulta strategica anche in chiave marketing per tracciare i dati sugli spostamenti della gente.


Italia tra i big nell’innovazione

L’Italia ha dimostrato anche quest’anno di meritare un posto di rilievo tra i big dell’innovazione. L’anno scorso una start up made in Italy è stata addirittura premiata con l’Innovation Award. L’azienda ha realizzato un bracciale dal design elegante che si trasforma in assistente alla guida per evitare sanzioni, distrazioni e ritiro dei punti della patente.
Il bracciale fornisce vibrazioni al polso con l’avvicinarsi agli autovelox, alle telecamere, ai semafori, ai varchi e alle zone di controllo. È stato pensato soprattutto per la sicurezza dei motociclisti, più esposti ai rischi della strada.


Verso il CES 2020 

La delegazione italiana sta già guardando alla prossima edizione del CES. L’obiettivo è aumentare la presenza delle start up nostrane per elevarle a un palcoscenico internazionale.
Perché il marchio made in Italy non è solo garanzia nei settori food, fashion e automotive, ma anche fiore all’occhiello della creatività hi-tech.



Condividi questo articolo

Condividi questo
articolo e ottieni
5 punti sicurezza

Vota il tuo stato d’animo

Vota il tuo stato
d’animo dopo aver letto
la buona notizia

<< Torna agli Happy Monday