Happy Monday

4 storie di eroi quotidiani

4 storie di eroi quotidiani

Lo scriveva già Sant’Agostino: “sono tempi cattivi, dicono gli uomini. Vivano bene ed i tempi saranno buoni. Noi siamo i tempi.”
Perché siamo proprio noi a fare la differenza ogni giorno, con le nostre azioni. Lo dimostrano le storie di queste persone, che hanno trasformato una vita ordinaria in un’esperienza straordinaria, per se stessi e per gli altri.


Mamoudou Gassama, da immigrato a eroe nazionale.

Poco prima dell’estate 2018 una notizia ha conquistato i titoli di apertura di ogni telegiornale: un immigrato irregolare, originario del Mali, ha salvato a Parigi un bambino che stava cadendo dal quarto piano di un palazzo.
Mamoudou non ci ha pensato su nemmeno un istante e, con un’agilità alla Spiderman, si è arrampicato da un terrazzo all’altro per aiutare il piccolo.
L’impresa, documentata dal telefonino di un testimone, ha fatto il giro del mondo e per un po’ ha appianato le polemiche riguardanti l’immigrazione.
In seguito, Mamoudou è stato invitato all’Eliseo, ricevuto dal presidente Macron, e gli è stata riconosciuta la cittadinanza francese.
Ma la sua storia non finisce qui. Spenti i riflettori, Mamadou ha deciso di “arruolarsi” nei pompieri della capitale francese.
Questo è da sempre il suo sogno: essere utile per la comunità.


Pasquale Longhi, il medico che cura tutti, gratis.

Quando il neurochirurgo Pasquale Longhi è andato in pensione, non ha preferito trascorrere il suo tempo leggendo libri, passeggiando per la sua città o coltivando un hobby, bensì ha deciso di aprire un poliambulatorio specialistico di medicina solidale.
Il centro di San Ludovico di Casoria, a poche manciate di km da Napoli, offre consulenza medica specialista gratuita a tutti coloro che non possono permettersi di pagare la tariffa di una visita.
Dal 2015 in poi, oltre 3.000 pazienti si sono rivolti al poliambulatorio che, negli anni, è cresciuto sempre più e oggi vanta uno staff di dottori specialistici degno di un grande ospedale.
Pasquale Longhi ha un altro obiettivo in mente per il futuro: dalla città da cui è partito il famoso caffè sospeso, vuol far cominciare anche la tradizione del ticket sospeso. Un ticket pagato in farmacia per chi ne ha bisogno.


José Andrés, quando uno chef non è noto per le sue stelle.

Potrebbe tranquillamente condurre un programma di cucina o fare, come molti altri chef, il giudice di talent culinari. E invece no. José Andrés cede al richiamo “pubblico” solo quando accade una calamità.
Tutto comincia nel 2010, durante il terremoto di Haiti, guarda le immagini in tv e decide di partire: destinazione Port-au-Prince. Per due settimane cucina senza sosta tra le tendopoli, per sfamare gli sfollati. Da lì nasce il programma World Central Kitchen, organizzazione no profit dedicata a portare cibi caldi alle vittime di disastri naturali.
Ma è con il ciclone di Porto Rico nel 2017 che batte ogni record: serve oltre 3.6 milioni di pasti per un anno intero.
La dimostrazione di come uno chef, invece che rincorrere la fama, si sia impegnato per un ideale più alto: combattere la fame.


Andrea Caschetto, un sorriso salverà il mondo.

A 15 anni lo operano per un tumore che gli causa una riduzione della capacità mnemonica e i medici gli dicono che soffrirà per tutta la vita di stanchezza cronica. Andrea decide, così, di coltivare la memoria delle emozioni. Dopo aver partecipato all’inaugurazione di un centro pediatrico in Sud Africa, capisce che il sorriso dei bambini è il suo album dei ricordi, così comincia a collezionarli in tutto il mondo. Viaggia tra Africa, Asia e America Latina con uno zaino, instancabile, in barba ai dottori che gli avevano prospettato una vita sedentaria.
In questi anni Andrea ha parlato anche davanti all’ONU e continua a diffondere la sua carica di buonumore in ogni luogo della nostra Terra.
Perché essere felici è la lezione più difficile da imparare.



Condividi questo articolo

Condividi questo
articolo e ottieni
5 punti sicurezza

Vota il tuo stato d’animo

Vota il tuo stato
d’animo dopo aver letto
la buona notizia

<< Torna agli Happy Monday